Errore
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT MAX(time) FROM jos_vvcounter_logs
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=INSERT INTO jos_vvcounter_logs (time, visits, guests, members, bots) VALUES ( 1594456464, 933, 854, 0, 79 )

Tragedia o farsa? Scelta difficile. Il caso dell’isola ecologica di Succivo sollevato da un’inchiesta di Campania Notizie ha assunto allo stesso tempo i contorni di una pièce drammatica e quelli delle comiche finali. Nell’uno o nell’altro caso a farne le spese sono, superfluo dirlo, i contribuenti. Dalle loro tasche la maggioranza guidata dal sindaco facente finzione Gianni Colella e dal primo cittadino “vero” Salvatore Papa, alias Papino, ha prelevato quasi 10mila euro per i lavori di adeguamento di una struttura che doveva essere ampiamente adeguata già al momento dell’apertura, cioè circa due anni fa. Del resto nei giorni scorsi sono stati gli stessi amministratori locali, “sindaco” Papa in testa, ad apostrofare il sottoscritto come “un imbecille che non sa leggere le carte e che scrive cose false”. Papino e company hanno bollato gli articoli di Campania Notizie come destituiti di ogni fondamento perché, a loro dire, l’isola ecologica era in tutto e per tutto a norma (leggi i post Fb in basso).

Col passare delle puntate della nostra inchiesta è emersa la verità. L’hanno ristabilita gli stessi esponenti della maggioranza. Dal 23 dicembre a tutt’oggi la struttura è chiusa per “interventi di adeguamento e manutenzione”. Se era perfettamente in regola perché adeguarla? Per sfortuna del “sindaco” Papa e di quel brav’uomo di Colella le bugie hanno le gambe corte. Più corte di quelle di un puffetto verde della maggioranza dedito ad affidare a tecnici amici incarichi delicati con risultati disastrosi (continua…). Dopo il goffo tentativo di arrampicarsi sugli specchi gli amministratori locali si sono “autodenunciati”. Meglio tardi che mai. E ci hanno finalmente dato ragione. Non tramite i social (siamo vaccinati contro il webetismo) ma con una determina del responsabile del settore Manutenzione e Ambiente, datata 20 gennaio 2020 (clicca sul link in basso). Oggetto: “Affidamento lavori manutenzione straordinaria sul centro di raccolta comunale”. Costo: 9.943,77 euro. Il responsabile Silvestro Treviglio precisa nella determina che “trattasi di manutenzioni urgenti e indifferibili”. Menomale che noi di Campania Notizie scrivevamo stupidaggini!!! Ci auguriamo che il “sindaco” Papa e quel buonuomo di Colella non si scaglino anche contro Treviglio relegandolo, come il sottoscritto, nell’alveo dell’incompetenza. Di conseguenza dovrebbero licenziarlo.

Al netto dei costi per l’opera, tanto quelli li sborseranno come sempre i cittadini (il cetriolo volante va sempre al solito posto), quello che rende tragicomico il caso dell’isola ecologica è che, lo attesta sempre il Comune, la struttura è abusiva e dannosa per la salute pubblica. Una situazione vergognosa che si protrae da quasi due anni, ovvero dalla sua apertura. Dal computo metrico allegato alla determina (leggete voi stessi) è messo nero su bianco che il centro di raccolta è privo di rete fognaria. Incredibile. Ma vero. Ecco uno dei punti della relazione tecnica: “Intervento di intercettamento tubazione fognaria esistente a monte dell'impianto di trattamento acque meteroriche in continuo ed a valle dello stesso per intercettazione pozzetto con tubazioni, curve e pezzi speciali nonché nuove tubazioni necessarie per rendere il tutto perfettamente funzionante. Per intercettazione tubazione fognaria a monte ed incanalamento a valle nella pubblica fognatura”.

Una domanda al “sindaco” Papa e a quel giuggiolone di Colella: in questi due anni dove e come venivano smaltite le acque del piazzale? E per i liquami nocivi e pericolosi come si procedeva? Una struttura tenuta in queste condizioni vergognose è, secondo la maggioranza consiliare, a norma. Figuriamoci se non lo fosse stata. All’interno ci avremmo trovato il mostro Loch Ness. Sarebbe stato molto meglio. Quello è creatura leggendaria. L’isola ecologica di Succivo è un vero mostro. Non a caso la “custodia” è stata affidata a Michele Aletta. Tra un pestaggio e l'altro, decine di persuasivi avvertimenti  e qualche minaccia verbale qua e là il cognato del “sindaco” Papa nell’illegalità ci sguazza. In un centro di raccolta completamente abusivo è (così dice dalle nostre parti) come “il porco in mezzo alle mele”.

Mario De Michele

(continua…)

CLICCA QUI PER LA DETERMINA E IL COMPUTO METRICO

 

I SIGNORILI E GARBATI POST DEGLI AMMINISTRATORI LOCALI

 

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information