Errore
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=SELECT MAX(time) FROM jos_vvcounter_logs
  • DB function failed with error number 145
    Table './CAMPANIANOTIZIE/jos_vvcounter_logs' is marked as crashed and should be repaired SQL=INSERT INTO jos_vvcounter_logs (time, visits, guests, members, bots) VALUES ( 1593970039, 1219, 1161, 0, 58 )

“Il Governo sta consegnando il Paese ad un disastro, rischiando di distruggere ogni prospettiva altro che ripresa” così Luigi De Magistris, che alla domanda sul decreto per la ripartenza del Paese si esprime con un commento molto duro e netto “ci troviamo di fronte ad un'azione del Governo del tutto inadeguata rispetto al momento storico, al tema che bisognerebbe affrontare, abbiamo un Governo che non comprende le priorità sociali, politiche ed economiche, che non mette in campo strumenti adeguati, voglio leggere bene il contenuto del decreto annunciato, ma se dovessero confermarsi le indiscrezioni e gli annunci saremmo davanti ad una vera e propria elemosina istituzionale. Non ci sono assolutamente le basi per la ripresa di un Paese. Mantengo la sensazione raccolta in questi mesi che si sta dando il segnale di non sapere da dove ripartire. I Mille euro erogati, quando erogati, svaniscono in tre giorni per il disastro economico che stiamo affrontato”. È molto netto sulle priorità da affrontare il primo cittadino di Napoli “se fino ad ora eravamo nella prima fase ed ho voluto tenere i toni bassi, se continuo così allora adesso parlo io, e ne ho tante da dire su come si è affrontata l’emergenza. Abbiamo annullato le libertà costituzionali, dato carta bianca al Governo e ai governatori delle regioni e cosa ci ritroviamo una elemosina istituzionale che non tiene conto delle priorità: un esempio? Vogliamo parlare di scuola? Raramente mi sono trovato di fronte ad una inadeguatezza di questa portata. Cosa è un Paese senza la scuola, senza la comunità scolastica, cos'è? Quale è l’idea complessiva? Forse qualcuno ha interesse a costruire un'Italia virtuale?”. Continua così De Magistris che si smarca da maggioranza e opposizione: “io sono autonomo e non mi riconosco in chi sostiene o si oppone al Governo Conte, anzi sono un potenziale sostenitore, ma non posso accettare questo stato di cose, il Comune di Napoli aveva lanciato un segnale strutturale: via tutte le imposte fino a dicembre 2020 e come si è risposto? Nulla. Le persone stanno ancora attendendo la cassa integrazione. I soldi del MES, che a mio avviso manterranno il cappio al collo all'Italia, andranno ai cittadini? Certo che no, andranno alla sanità pubblica, ma è sempre quella sanità che la politica, in tutti questi anni, ha smantellato e mi sa che si stanno mettendo le toppe a tutte le lacune che ci sono e ci sono state in questo periodo, ma adesso bisogna raccontarsi una serie di verità, perché non mi sembra giusto farsi travolgere dall'inadeguatezza di chi guida il Governo”.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information