E’ napoletano (nato a Palma Campania) il prefetto di Perugia (di fatto ex) Antonio Reppucci, protagonista delle frasi choc sulle madri dei tossicodipendenti che “sono fallite e dovrebbero suicidarsi”. Dopo il vespaio di polemiche sollevato da parole inaccettabili e ai limiti della sanità mentale, il ministro dell'Interno Angelino ha tuonato: “Non può restare, assumerò immediati provvedimenti”. Rimozione di fatto decretata e subito controfirmata con un tweet dal premier Renzi, che si è detto “grato al ministro Alfano per l'intervento». La vicenda comincia due giorni fa quando il prefetto Reppucci dice, in un linguaggio tra il vernacolo e l’italiano incerto, durante una conferenza stampa che spera “che i padri taglino le teste ai figli che assumono stupefacenti” e aggiunge che “il cancro è lì nelle famiglie, se la mamma non si accorge che suo figlio si droga è una mamma fallita e si deve solo suicidare”. Frasi da brivido. Che fanno sorgere seri dubbi sull’equilibrio, in tutti i sensi, dell’ormai ex prefetto di Perugia. Una domanda: se le mamme dei tossicodipendenti dovrebbero suicidarsi, uno che spara cazzate come Reppucci cosa dovrebbe fare?

cyrano

ECCO IL VIDEO CHOC

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

 

stoccata.jpg

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information