Casalnuovo. Domani Martedì 14 novembre a Casalnuovo l’iniziativa “Abbattiamo l’Illegalità”. Continua la lotta all’abusivismo edilizio: in occasione della giornata dedicata alla lotta all’illegalità ci sarà, infatti, un nuovo abbattimento di un immobile abusivo realizzato in via Gaudiosi. Lo scheletro di cemento a tre piani sarà demolito dalle ruspe che entreranno in azione a partire dalle sette del mattino. “La lotta all’abusivismo ed ad ogni forma di illegalità resta una priorità dell’amministrazione comunale – dichiara il sindaco Massimo Pelliccia – E' ferma l’intenzione di ostacolare, con tutti i mezzi a nostra disposizione, ogni forma di speculazione”. Per l’occasione alle ore 10.00 è stato organizzato un dibattito in uno dei luoghi simbolo della lotta all’abusivismo: il terreno confiscato di via Vecchiullo, frazione di Casarea, già liberato dagli scheletri di cemento ed affidato ora ai volontari della cooperativa A.r.s. (il cui acronimo richiama la memoria di Alberto Vallefuoco, Rosario Flaminio e Salvatore De Falco, i tre giovani operai assassinati dai killer della camorra per errore nel 1998 lungo via Nazionale delle Puglie). Al dibattito, oltre al primo cittadino, prenderanno parte il referente regionale di Libera, Fabio Giuliani, il coordinatore provinciale dell’associazione, Antonio D’Amore, la responsabile locale, Angelica Romano, il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Ho accolto con piacere l’invito del sindaco Pelliccia a partecipare alla manifestazione perché crediamo che sia importante ricordare quel che successe a Casalnuovo perché in questo modo si contribuisce a creare quella cultura della legalità che può impedire che si verifichi ancora una cosa simile” ha aggiunto il consigliere regionale dei Verdi, Borrelli, sottolineando che saranno presenti “Bartolomeo Sciannimanica, all’epoca responsabile degli abbattimenti per la Regione Campania, e dall’imprenditore Roberto Fogliame che, da mesi ormai, sta mettendo a disposizione centinaia di alberi da piantumare in giro per la Campania per far crescere l’amore per l’ambiente”. Ad assistere al dibattito ci saranno i piccoli alunni dell’istituto comprensivo Viviani. “Coinvolgere le scuole nell’ambito di queste iniziative è di fondamentale importanza – ha aggiunto Pelliccia – perché il seme della legalità e del senso civico deve essere piantato subito nei giovani cittadini. I ragazzi sono il nostro futuro e vogliamo che abbiamo l’occasione di guardare le attività che i volontari svolgono su un terreno confiscato alla criminalità e restituito all’uso dei cittadini. Su questi temi bisogna tenere sempre alta la guardia”. Le operazioni di demolizione del manufatto saranno portate a termine con l'ausilio delle forze dell’ordine, che garantiranno l'ordine pubblico durante l'esecuzione degli abbattimenti. Intanto proseguono, senza sosta, tutte le altre attività messe in campo dall'amministrazione per contrastare il fenomeno dell'abusivismo edilizio: il Comune, infatti, si avvale del servizio di telerilevamento satellitare che, attraverso un sistema di sovrapposizione periodica di fotogrammi ed immagini satellitari, consente di intervenire tempestivamente con le apposite misure repressive e sanzionatorie. Il funzionamento di tale attività ha portato alla scoperta di numerosi abusi, oltre cento dei quali sono stati risolti con procedure di autodemolizione. Numerosi anche i casi in cui per far fronte alle mancate ottemperanze dei provvedimenti si è proceduto ad acquisire i beni a patrimonio comunale.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information