“Ritengo l’approvazione di questa legge un atto di civiltà per la Regione Campania che ci permette di ricostruire una dimensione etica del lavoro”. Queste le parole di Antonio Marciano, consigliere regionale del Partito Democratico e relatore della legge sul mobbing e il disagio lavorativo approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale della Campania. “In questi anni si è monetizzato il valore del lavoro rispetto al valore dell'uomo, della donna, di un giovane lavoratore per realizzare il proprio futuro e i propri obiettivi. La Campania diventa una delle poche Regioni d’Italia a dotarsi di una strumentazione legislativa per contrastare i fenomeni del disagio lavorativo, della cattiva condizione di lavoro dei nostri lavoratori” – continua Marciano. “Costruiamo un quadro legislativo che rafforzi il centro di riferimento regionale presso l’Asl Napoli 1, ci permetta di istituire almeno due ulteriori centri clinici di riferimento per allargare la rete a supporto dell’orientamento e della decodifica del disagio lavorativo. Allo stesso tempo viene costituito un Osservatorio Regionale che terrà insieme gli Assessorati competenti, le organizzazioni sindacali e datoriali e le strutture sanitarie locali” – spiega il relatore della legge. “Facciamo compiere alla Campania un salto di qualità su un tema di grande sensibilità” – conclude l’esponente del Partito Democratico.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information