Novità importanti ad Orta di Atella. Due delibere hanno ottenuto il via libera della giunta. Il sindaco Andrea Villano ha annunciato l’inizio dell’iter per far tornare fruibili le strutture sportive del Comune. “La settimana scorsa è stato deliberato su base degli studi di fattibilità che per campo sportivo e palazzetto si procederà ad un partenariato pubblico-privato. Siccome abbiamo calcolato quanto ci vorrebbe per rendere di nuovo utilizzabili tali strutture e sono cifre di cui l’Ente non dispone faremo un bando per una gestione esterna. Potranno partecipare associazioni, società sportive, società private che abbiano come finalità promuovere lo sport come momento di aggregazione”. La seconda delibera invece riguarda un importante intervento in una struttura scolastica. Il primo cittadino ci ha spiegato cosa hanno previsto di fare. “Ridotte le indennità di carica di assessori e sindaco di ottobre e novembre per costruire una pensilina per la scuola di Novio Atellano nella frazione di Casapozzano per evitare che i bimbi quando entrano a scuola stiano sotto la pioggia”. Per arrivare alla somma di 1400 euro necessari alla costruzione della pensilina hanno partecipato gli assessori con 200 euro e sindaco con 400. Inoltre a breve partirà lo sportello anti-violenza non indirizzato solo alle donne che hanno subito maltrattamenti in famiglia o da stalker ma destinatari dell’assistenza saranno anche i minori che hanno subito atti di bullismo.

Tornando alla polemica mensa scolastica invece sembrerebbe che il numero delle domande dei ticket pasto sia nettamente inferiore rispetto all’anno scorso. A fronte dei soliti 400 pasti che in media venivano richiesti ora siamo intorno ai 150. Sembrerebbe che alcune mamme pensino che adottando il pugno duro l’amministrazione possa tornare sui suoi passi. A tal proposito Villano ha lanciato un appello: “Invito le mamme a far usufruire i bimbi della mensa scolastica per questi 2 mesi e ad avere fiducia nella promessa che abbiamo fatto di rivedere i costi per gennaio usciti dal dissesto”.

Valentina Piermalese

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information