"Contro di me una campagna fondata sul nulla, non posso dire niente, ma dopo il 4 dicembre parlerò e darò l'elenco dei querelati". Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, intervenendo all'incontro "Costruiamo un futuro europeo", nella Scuola Galileo Ferraris a Scampia, Napoli. "A chi vota no perché dice che gli abbiamo fatto mangiare cibo straniero - ha affermato - non posso offrire nemmeno un po' di frittura di pesce". "In una assemblea dei sindaci un po' noiosa - ha ricordato - ho detto al mio amico sindaco di Agropoli, per sfotterlo: 'Porta a votare la gente e se non vengono portali al porto e offrigli una frittura di pesce, di calamari". "Il giorno dopo ci sono state interrogazioni parlamentari - ha sottolineato - al mio amico Luigino Di Maio dedicherò un pensiero misericordioso". "Hanno chiesto l'intervento dell'Onu, dell'Alleanza atlantica ma... - ha aggiunto - non posso parlare, fino al 4 devo stare zitto". "Sono stato oggetto di aggressioni infami - ha concluso - che Paese!".





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information