Una condanna all'ergastolo è stata emessa per un triplice omicidio avvenuto a Napoli nel 2002 e che vide vittime tre presunti esponenti dell'Alleanza di Secondigliano, cartello di clan al centro di una faida di camorra. Il massimo della pena è stato inflitto a Raffaele Perfetto, mentre 12 anni di reclusione è la pena nei confronti dell'ex boss, diventato da anni collaboratore di giustizia, Giuseppe Misso. La sentenza è stata emessa, al termine del processo con rito abbreviato, dal gup del Tribunale di Napoli Marina Cimma che ha accolto le richieste dei pm della Dda Henry John Woodcock e Enrica Parascandolo. Ciro Benincasa, 38 anni, Luigi Cantaleno, 30, e Antonio Prota, 44, furono uccisi in un agguato in via Marco Rocco di Torre Padula, nella zona collinare di Napoli, il 20 giugno 2002.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information