"Siamo di fronte ad una vera e propria barbarie. Eravamo stati convocati per una riunione informativa sull'andamento generale del mercato e invece ci è stata comunicata la decisione di chiudere il sito e licenziare 81 persone". Anselmo Botte, segretario Cgil Salerno, commenta così quanto accaduto questo pomeriggio a Confindustria quando il manager inglese della ditta Filtrona, un'azienda che produce filtri per sigarette che ha una sede anche in città, nella zona industriale, ha comunicato le decisioni dei vertici di porre fine alla produzione. "Il dirigente non ha concesso margini di trattativa. É venuto solo per comunicare il licenziamento collettivo, l'apertura delle procedure di mobilità e la chiusura dell'azienda. Inammissibile - sottolinea Botte - Naturalmente ci siamo opposti spiegando che una grande azienda prima di arrivare ad atti estremi dovrebbe mettere in campo tutte le strategie possibili per arginare la crisi e controllarla avvalendosi di tutti gli strumenti a disposizione, tra i quali, ad esempio, gli ammortizzatori sociali".

"Stando così le cose, secondo noi, potrebbe persino configurarsi il reato di serrata. Abbiamo sospeso immediatamente il confronto e chiesto un incontro urgente in Prefettura - conclude - Nel frattempo gli operai si sono riuniti in assemblea dinanzi alla sede di Confindustria, perché l'azienda ha negato la possibilità di svolgerla in fabbrica. Stiamo valutando le azioni di lotta da intraprendere nei prossimi giorni che potrebbero iniziare già domani con un presidio permanente dinanzi ai cancelli della fabbrica".

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information