Un asse che collega Sant’Anastasia e Cardito. La linea che collega i due comuni è quella dei concorsi pubblici. Ma prima di scendere nei dettagli delle procedure concorsuali carditesi va evidenziato che due sono i soggetti che ritroviamo coinvolti in entrambi i comuni interessati: il segretario generale del comune vesuviano, Egizio Lombardi, che a Cardito è presidente di commissioni d’esame, e la società di selezione salernitana incaricata per le prove. Lombardi e la società sono una coppia di fatto ormai nei concorsi pubblici. Ma facciamo un passo indietro. Lo scorso 6 dicembre si sarebbe dovuta svolgere la seconda prova scritta del concorso per la posizione di un funzionario tecnico da assumere presso l’ente comunale di Cardito. L’esame è saltato. Un avviso disponeva “la sospensione della suddetta seduta concorsuale fino a data da destinarsi” per “assenza del Presidente di commissione per impedimenti”. L’impedimento non specificato si sarebbe scoperto di lì a poco. Nella stessa giornata Egizio Lombardi infatti veniva arrestato dalla guardia di finanza per decisione del Gip al termine di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Nola. Tra le persone fermate, oltre a Lombardi, il sindaco di Sant’Anastasia, Raffaele Abete, un consigliere comunale e un imprenditore, rappresentante legale della società cooperativa di selezione con sede legale e operativa a Salerno. L’accusa in sintesi sarebbe quella di aver truccato concorsi in cambio di soldi.

Ma le indagini della Procura si stanno allargando a macchia d’olio anche ad altri comuni in cui operavano alcuni degli indagati. E qui torniamo a Cardito. Dove oltre a ritrovarci Lombardi, nome ormai ricorrente, ritroviamo uno degli altri attori dello scandalo di Sant’Anastasia: l’Agenzia Selezioni e Concorsi Società Cooperativa a Mutualità Prevalente di Salerno, di cui è indagato il rappresentante legale. Queste 2 coincidenze sarebbero da ritenersi solo sfortunate se non fosse che 3 dei concorrenti per i posti messi a concorso al comune di Cardito hanno segnalato nel mese di novembre (poco prima dell’intervento delle autorità) alcune anomalie riscontrate rispetto alle procedure concorsuali. Gli esposti sono indirizzati all’Anac, al Ministero della Funzione Pubblica e alla Corte dei Conti. Il 27 dicembre 2017 vengono nominate le commissioni esaminatrici per le procedure selettive pubbliche: messi a bando un posto per funzionario tecnico, istruttore informatico, istruttore tecnico e istruttore amministrativo. A capo di tutte le commissioni Egizio Lombardi.

Ebbene succede che le commissioni esaminatrici presiedute tutte da Lombardi richiedono procedura preselettiva per l’espletamento dei bandi. Motivo per cui il 4 marzo 2019 tramite procedura negoziata si affida il servizio all’Agenzia Selezioni e Concorsi Società Cooperativa a Mutualità Prevalente di Salerno. A partecipare al bando vengono invitate 4 ditte, reperite dal Mepa. Si aggiudica l’affidamento chi presenta la migliore offerta di sconto in percentuale sull’importo complessivo posto a base di gara di 9mila euro oltre iva. Delle 4 società, 2 di Genova, 1 di Milano e quella di Salerno ormai nota, presentano offerta effettivamente solo 2. La ditta Merito Srl di Genova offre un ribasso di 1,50 %. L’Agenzia Selezioni e Concorsi salernitana riesce invece a presentare un ribasso del 50,55 %. Un ribasso eccezionale. Sbancando l’altra concorrente la società si aggiudica quindi a mani basse l’incarico. Integrato poi il contratto con un’aggiunta nell’ottobre scorso per espletare le prove di un altro dei posti messi a bando, istruttore informatico, di cui presidente di commissione ovviamente è sempre Lombardi. La società salernitana si aggiudica quindi la gestione senza di fatto avere competitor per tutti i concorsi carditesi. E così si riforma la coppia di fatto di Sant’Anastasia. Quella di Lombardi e dell’Agenzia Selezioni e Concorsi salernitana. Ma torniamo alle segnalazioni dei partecipanti al concorso. Ci sono ancora diversi altri interrogativi. Modalità e tempi d’avviso delle prove con conseguente calo dei concorrenti (meno di un terzo si sono presentati alle preselezioni), effettiva necessità e validità della prova preselettiva, modalità di pubblicazione del bando e altri dettagli che sviscereremo prossimamente.

Valentina Piermalese
(continua…)





Leggi anche:


 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information