Pin It

Il Comando Provinciale di Napoli, nel quadro della costante attività esercitata dal Corpo a contrasto dei fenomeni illeciti nel settore dei prodotti energetici sottoposti ad accisa, ha sequestrato oltre 4.000 litri di gasolio per autotrazione, detenuto in contrabbando presso un impianto sito a Bacoli. In particolare, i finanzieri della Tenenza di Baia, nel corso di un controllo presso un distributore stradale, hanno individuato un furgoncino posizionato sopra una botola del serbatoio dell’impianto di distribuzione e, insospettiti dall’anomala situazione, hanno proceduto ad un controllo più approfondito riscontrando che l’automezzo era stato completamento modificato. Al suo interno, infatti, era stata saldata una cisterna di metallo destinata a contenere prodotto petrolifero di contrabbando e sul pianale era stata creata un’apertura necessaria per lo svuotamento del carico. Al termine del controllo, le Fiamme Gialle, oltre al sequestro del prodotto e del mezzo utilizzato, hanno apposto i sigilli alle pompe di distribuzione, per successivi controlli su eventuali manomissioni, come, ad esempio, l’alterazione del “contalitri” per compensare il gasolio caricato “in nero”. Il conducente del mezzo, R. A. classe 1971, si trova ora agli arresti domiciliari, in attesa del rito per direttissima, mentre il gestore dell’impianto, T. A. classe 1981, è stato denunciato a piede libero. L’immissione sul mercato di gasolio di contrabbando avrebbe determinato la commercializzazione di prodotto di dubbia qualità con conseguenti danni per gli imprenditori onesti e rischi per gli ignari consumatori finali.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information