All’ospedale Cardarelli una Tac è ferma da 9 giorni con gravi rallentamenti e attese nella diagnostica. Si tratta dell'apparecchio allestito all’interno del pronto soccorso e dedicato esclusivamente alle Tac craniche, un macchinario che già era stato sottoposto a interventi manutentivi senza buoni esiti. Il primo stop forzato, durato qualche giorno, si era registrato a fine mese per cui il 30 gennaio, un sopralluogo tecnico ripristinò il funzionamento della Tac che però si bloccò nuovamente in meno di 24 ore. Il secondo guasto intervenuto la notte del 31 gennaio non è stato ancora riparato per cui l'apparecchio è ufficialmente fuori uso dal 1 febbraio. Se è vero che la presenza di altri due apparecchi, nello specifico Tac body di cui è dotato il pronto soccorso, forniscono comunque la possibilità di effettuare gli esami cranici, è pur vero che i pazienti sono costretti ad alternarsi non avendo più un servizio specifico. Dunque si è inevitabilmente registrato in questi giorni l'allungamento dei tempi di attesa e di assistenza nella diagnostica del pronto soccorso al Dea del Cardarelli.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information