La Procura di Napoli ha disposto degli accertamenti tecnici irripetibili sul feto senza vita che Anna Siena - la donna di 36 anni deceduta lo scorso 18 gennaio nell'ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli dal quale era stata dimessa per una lombosciatalgia tre giorni prima - aveva in grembo prima di morire. L'esistenza del feto che, secondo quanto si è appreso, era di circa trenta settimane, è emersa durante l'esame autoptico eseguito sul corpo della donna, lo scorso primo febbraio, nel Policlinico federiciano. Al momento risultano indagati due medici dell'ospedale dove i familiari di Anna (assistiti degli avvocati Angelo e Sergio Pisani) portarono più volte la donna in preda a lancinanti dolori all'addome. Gli accertamenti sono in programma lunedì.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information