Un arsenale di armi e munizioni di vario tipo è stato sequestrato dalla Polizia nel corso di perquisizioni condotte nelle abitazioni di due pregiudicati, Antonio Amato, 57 anni, e del figlio Vittorio, 30 anni. I due sono ritenuti alleati a Mario Nappello, fratello di Valerio, ritenuto il capo dell' omonimo gruppo criminale attivo nella periferia Nord tra Chiaiano, Miano e Piscinola, dove è in corso una guerra a colpi di omicidi tra elementi emergenti della criminalità organizzata. Le due abitazioni si trovano tra Piscinola e Marianella, a circa un chilometro di distanza. In casa di Antonio Amato è stata sequestrata dagli agenti del Commissariato Scampia una "Smith & Wesson" modello 357 risultata rubata due anni fa, un caricatore di kalashnikov,e decine di proiettili di vario calibro. Nell' abitazione del figlio, Vittorio, sono stati sequestrati un mitra kalashnikov M92 con due caricatori contenenti 30 cartucce ciascuno, un centinaio di cartucce calibro 7.62 e calibro 357 magnum, una pistola 6.35 "FN Browning's-baby" con 17 cartucce, risultata rubata ad Arezzo quattro anni fa, ed una pistola "Stoeger Cougar" 8000 L, calibro 9x21, con 13 cartucce, oltre a tre coltelli. Vittorio Amato è cugino di Salvatore Corrado, ucciso in un agguato di camorra il 30 settembre nel quartiere Miano insieme a Domenico Sabatino. I due erano ritenuti affiliati al clan Lo Russo, decimato dagli arresti, e considerato perdente nello scontro per il riassetto degli equilibri criminali nella periferia Nord di Napoli. Le armi sono state affidate alla Polizia scientifica per accertare se siano state usate in fatti di sangue.

 

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information