Incalza Mitt Romney sulle tasse, tallone d'Achille del candidato repubblicano alla Casa Bianca, invitandolo a pubblicare le dichiarazioni dei redditi degli ultimi 12 anni. Il presidente americano, Barack Obama, torna all'attacco dello sfidante repubblicano. E lo fa anche premendo sulla tassa sui milionari, forte dell'appoggio della maggioranza degli americani: secondo un sondaggio il 60% e' infatti favorevole alla 'Buffett Rule', che prevede un'aliquota di almeno il 30% su chi guadagna piu' di 1 milione di dollari l'anno. Poche ore dopo aver diffuso la sua dichiarazione dei redditi e messo in evidenza - sulla scia di quanto affermato in passato da Warren Buffett - come la sua segretaria paghi piu' tasse di lui, Obama incalza di nuovo Romney.

''Ritengo sia molto importante che ogni candidato sia il piu' trasparente possibile'' e per questo - afferma Obama - Romney dovrebbe presentare le dichiarazioni dei redditi degli ultimi 12 anni, come ha fatto Obama stesso durante la precedente campagna elettorale. ''Romney non ha ancora fornito le dichiarazioni relative al periodo in cui guadagnava milioni di dollari in qualita' di manager o di quando era governatore del Massachusetts, esperienza che lo qualifica a essere presidente'', rincara la dose il manager della campagna elettorale di Obama, Jim Messina. ''La reticenza di Romney fa sorgere una domanda, ha qualcosa da nascondere?''. Obama sta conducendo la propria battaglia per aumentare le tasse sui milionari. Una lotta nella quale e' appoggiato dalla maggioranza degli americani: secondo un sondaggio condotto da Gallup, il 60% degli americani e' a favore della 'Buffett Rule' mentre solo il 37% e' contrario. Fra i democratici sono a favore della tassa il 74% a fronte di un 24% che e' contrario. Fra i repubblicani il 54% sono contrari contro un 43% favorevole. ''Non possiamo piu' permetterci di spendere su sgravi fiscali per gli americani piu' ricchi che non ne hanno bisogno'' mette in evidenza Obama, sottolineando che un milionario su quattro paga un'aliquota inferiore a quella delle famiglie della classe media. ''Questa settimana i membri del Congresso hanno l'occasione di fare la cosa giusta e votare la Buffett Rule''. Il 16 aprile e' previsto in Senato il voto procedurale sulla tassa sui milionari per valutare se avviare o meno l'esame.

 





Leggi anche: