Si allargano a macchia d'olio le indagini dell'Fbi sulla Fifa per corruzione. Dopo Qatar e Russia, finiscono nel mirino tre delle cinque passate edizioni dei Mondiali: Sud Africa, Francia e ora Brasile 2014. Le indiscrezioni arrivano mentre il numero uno della Federcalcio irlandese denuncia: la Fifa ha pagato 5 milioni di dollari all'Irlanda per chiudere il caso del fallo di mano di Thierry Henry nel playoff con la Francia, che contribuì all'eliminazione dell'Irlanda dai Mondiali del 2010.

La Fifa ammette il fatto, ma precisa: era un prestito che poi è stato cancellato. Nello spareggio con la Francia, nel novembre 2009, l'arbitro non vide il fallo di Henry, favorendo la rete di Gallas e l'eliminazione dell'Irlanda di Giovanni Trapattoni. Il caso destò enorme clamore e proteste contro la federazione internazionale, minacciata di essere trascinata in tribunale con una richiesta di danni. Rischio evitato grazie a un accordo extragiudiziale raggiunto tra il presidente Blatter e lo stesso il presidente della Federcalcio irlandese, John Delaney. "Questo avvenne un giovedì e il lunedì successivo l'accordo era firmato. E' stato un ottimo accordo per la Fai", sottolinea Delaney. La Fifa afferma che il prestito venne concesso "per porre fine a qualsiasi pretesa verso la Federazione stessa", ma avrebbe dovuto essere rimborsato se l'Irlanda si fosse qualificata al Mondiale del 2014. Quando questo non è avvenuto, il prestito è stato cancellato.

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

 

stoccata.jpg

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information