Dopo l'esecuzione del tenente giordano Mouath al Kasasbeh, bruciato vivo dai terroristi dell'Isis, la Giordania urla vendetta. A cavalcare l'indignazione è prorpio re Abdallah II, che in una foto si mostra in uniforme da combattimento.

Abdallah II ha seguito l'Accademia militare brittannica, sulle orme del padre Hussein. Ed i jet giordani preparano l'attacco all'Isis, con messaggi di morte scritti sulle bombe. Ci sarebbero già alcuni obiettivi colpiti. "Mostreremo loro l'inferno". "Da una coraggiosa pilota giordana a Baghdadi": sono alcuni dei messaggi scritti a mano dai militari di Amman sulle bombe caricate sui caccia prima di lanciare la rappresaglia contro l'Isis. "Non pensiate che Dio sia all'oscuro di quello che i malfattori stanno facendo", recita invece la scritta su un foglio mostrata da un pilota prima del decollo. C'è anche stato un rafforzamento delle truppe giordane lungo il confine con la regione irachena di Al Anbar, dove è forte la presenza dell'Isis. L'esercito di Amman si è schierato nell'area di Ruwaished, opposta alla città di frontiera irachena di Trebil.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information