Le caselle di posta elettronica di una trentina di parlamentari del Movimento 5 Stelle sono state "bucate" per mesi e il loro contenuto letto e "salvato". I "pirati", che si autodefiniscono "Gli hacker del Pd", in un messaggio sul loro sito (http://glihackerdelpd.bitbucket.org/) pubblicato anche su youtube, minacciano M5S di rendere noto il contenuto integrale delle mail dei parlamentari se non verranno esaudite le loro richieste: la "pubblicazione immediata" dei "Redditi e patrimoni di 'Giuseppe Grillo' e 'Gianroberto Casaleggio'", nonché il "dettaglio dei ricavi derivanti dal sito 'www.beppegrillo.it' e correlati".

A dare notizia del presunto 'ricatto' è il sito de l'Espresso. Nell'articolo si afferma che i giornalisti del settimanale hanno parlato con i responsabili dell'azione. Nel video si legge, mentre scorrono immagini di esponenti del movimento di Grillo: "Vi abbiamo osservato per lungo tempo. Abbiamo studiato ogni vostra mossa.... E siamo rimasti delusi. Un movimento che poteva portare una speranza è finito per arricchire pochi. Promuovete la trasparenza... ma non la praticate in casa. E' venuto il momento della resa dei conti. Abbiamo una copia di tutte le vostre email. Se non le volete vedere pubblicate dovete soddisfare alle nostre richieste". Gli hacker minacciano di pubblicare ogni settimana il contenuto della casella email di un parlamentare 'stellato' diverso. Si tratta, sempre, di caselle che i parlamentari hanno presso provider privati e non di quelle di Camera e Senato: l'operazione sarebbe cominciata infatti nel novembre dello scorso anno, quando gli esponenti 'spiati' non erano ancora stati nemmeno candidati. La prima casella 'pubblicata', annunciano, è quella di Giulia Sarti, deputata ventiseienne del M5S, capolista grillina per l'Emilia-Romagna. Si tratta di una casella di Hotmail. Il link fornito dagli hacker, almeno al momento, non sembra funzionare e risulta impossibile scaricare il file 'zippato' che dovrebbe contenere le mail 'rubate'.

"In merito alla notizia di una violazione degli indirizzi di posta elettronica di diversi deputati del MoVimento 5 Stelle, compiuta da sedicenti hacker del Pd, e alla minaccia di pubblicare settimanalmente i contenuti delle mail violate e tenute sotto controllo da mesi, teniamo a puntualizzare che i nostri parlamentari non hanno nulla da nascondere". E' quanto si legge in un comunicato stampa del gruppo parlamentare alla Camera del M5S, nel quale si afferma che "é scontato il ricorso alla polizia postale e alle autorità giudiziarie a cui i fatti sono già stati denunciati". "Non ci sono 'scheletri negli armadi' né segreti a proposito dei redditi di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio - aggiunge il M5S - A questi pirati elettronici (che siamo convinti nulla abbiano a che fare col Partito Democratico) consigliamo di recarsi nelle camere di commercio e nelle agenzie delle entrate competenti territorialmente per aver accesso a bilanci e dichiarazioni dei redditi". "Non saranno certamente le minacce a fermare il percorso di profondo rinnovamento che il M5S sta portando dentro i palazzi del potere", conclude la nota.





Leggi anche: