Appalti affidati dietro il pagamento di tangenti, con la camorra a fare da 'garante' del patto corruttivo. Questo è quanto ipotizzato dalla Dda e per cui a inizio febbraio ci sarà l’udienza, dinanzi ai giudici della Corte d'Appello di Napoli, che vede imputati: l'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Maria Di Muro, condannato in primo grado a 5 anni e 6 mesi, il progettista Guglielmo La Regina, condannato in primo grado a 6 anni, Vincenzo Manocchio, condannato in primo grado a 4 anni, Roberto Dio Tommaso, condannato a 1 anno con pena sospesa, Alessandro Zagaria, condannato in primo grado a 4 anni, e per gli imprenditori di Casal di Principe Nicola e Francesco Madonna, entrambi assolti in primo grado. Caduta l'aggravante mafiosa, nel primo gradi di giudizio, per tutti gli imputati con la Procure Antimafia che ha impugnato la sentenza, così come i difensori dei condannati. Due le inchieste finite all'interno dello stesso fascicolo con Alessandro Zagaria, il ristoratore di Casapesenna ritenuto dalla Dda un faccendiere del clan dei casalesi con il compito di mantenere i contatti con le pubbliche amministrazioni al fine di turbare appalti, a fare da trait d'union. Una è quella relativa ai lavori di ristrutturazione di Palazzo Teti Maffuccini con la progettazione affidata a Guglielmo La Regina grazie alle presunte bustarelle date all'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Maria Di Muro ed ai componenti della commissione di gara, presieduta dal dirigente Roberto Di Tommaso e di cui faceva parte Vincenzo Manocchio. Nel patto corruttivo avrebbe partecipato anche Zagaria che avrebbe consegnato materialmente i soldi promessi a Di Muro. L'altro filone dell'inchiesta invece riguardava i lavori per la rete fognaria a Grazzanise affidati ai Madonna. Al processo si è costituito parte civile il Comune di Grazzanise con l'avvocato Salvatore Piccolo. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Giuseppe Stellato, Giovanni Cantelli, Angelo Raucci e Renato Jappelli. Resta da vedere se nell’udienza di febbraio per gli imputati la condanne verranno confermate o ci saranno dei colpi di scena che ribalteranno l’impianto accusatorio.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information