La decima sezione del tribunale del Riesame di Napoli, ha disposto la restituzione di beni societari ai fratelli Antonio e Nicola Diana (presidente e vicepresidente della Fondazione Diana) e del loro zio Armando, di Casapesenna, coinvolti nel gennaio scorso in un’inchiesta della Dda, per concorso esterno in associazione camorristica. La decisione è arrivata dopo il precedente annullamento della Cassazione con rinvio ad una diversa sezione del tribunale. Gli imprenditori erano stati scarcerati lo scorso maggio dopo quattro mesi e mezzo di arresti domiciliari. I Diana, difesi dall’avvocato Carlo Destavola, ‘testimonial dell’Antimafia’ gestiscono un gruppo imprenditoriale che opera in vari settori, tra cui la società Erreplast. I beni dissequestrati si riferiscono ad aziende e attività ubicate nella zona di Gricignano d’Aversa. Quando finirono ai domiciliari a gennaio vennero sequestrate diverse società, attive, a loro riconducibili, tra cui società di produzione e lavorazione materiali plastici, società immobiliari, ditte di imballaggi, esercizi commerciali, società di vendita veicoli industriali e società agricole. Dopo la decisione della Cassazione arriva un'altra bella notizia per la famiglia Diana con il dissequestro dei beni.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information