Oltre all'ex sindaco di Capua Carmine Antropoli l'inchiesta della magistratura su politica e camorra (clicca qui per leggere l'articolo) ha coinvolto anche alcuni esponenti di spicco dell’opposizione all’amministrazione Centore che si è sciolta nei mesi scorsi. Si tratta di due ex assessori, indagati a piede libero in quanto consiglieri eletti con la minoranza: Marco Ricci e Guido Taglialatela. Per entrambi sono scattate le perquisizioni con relativa notifica dell’avviso di garanzia da parte dei carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Caserta, guidati dal colonnello Nicola Mirante. Un fulmine a ciel sereno per Ricci che era già stato investito della candidatura per la prossima tornata elettorale di primavera da una parte del centrodestra.   Come per Antropoli anche per Ricci e Taglialatela l’ipotesi di reato configurata è quella di concorso esterno in associazione mafiosa, anche se il gip non ha ritenuto necessaria l’emissione di un provvedimento cautelare come è avvenuto per l’ex primo cittadino. In totale sono quattro le perquisizioni effettuate dai militari dell’Arma in mattinata a Capua, compresa quella nell’abitazione di Antropoli a Sant’Angelo in Formis: nella frazione santangiolese è stato avvistato anche un elicottero nelle fasi clou dell’operazione scattata all’alba.   I carabinieri si sono recati anche in Comune per effettuare alcune acquisizioni.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information