Una vicenda surreale, l'ennesima accaduta stamattina a Orta di Atella nel parco Orchidea in via Fausto Coppi. La società Acquedotti Scpa di cui il comune è socio di maggioranza ha staccato l'acqua al condominio per una faccenda amministrativa. Il vecchio amministratore di condominio ha raccolto i soldi dei condomini ma non li ha versati interamente alla società che gestisce il servizio idrico e col tempo si sono accumulati dei debiti che i condomini, quasi tutti proprietari, ignoravano totalmente. Fino al primo avviso di distacco nel 2015. Da quel momento ne è nata una battaglia amministrativa tra le parti in cui i condomini si sono ritrovati a pagare più volte per lo stesso servizio ed affrontare a loro spese anche dei lavori di adeguamento all'impianto del fabbricato per chiedere di avere ognuno un proprio contatore e la società che ha continuato a rifiutare di stipulare contratti con i singoli e a reclamare quanto gli è dovuto. Quest'estate sembrava che un accordo fosse stato raggiunto ma stamattina, tra lo stupore e la rabbia degli occupanti degli appartamenti, l'acqua è stata staccata tra intervento dei carabinieri e attimi di concitazione. A 'garantire l'approvvigionamento' la società ha lasciato una fontanella, del tipo temporizzato, all'esterno del complesso (in foto). Una domanda è d'obbligo: come potranno trenta famiglie, tra la quali ci sono bambini, anche neonati e anche qualche malato grave, a soddisfare il minimo quotidiano fabbisogno del bene primario per eccellenza con una semplice fontanella temporizzata? La Acquedotti dovrebbe quantomeno fornire uno straccio di risposta.

Luigi Viglione

GUARDA IL VIDEO





Leggi anche:


Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information