La bandiera No-Tav esposta da oggi nella chiesa della parrocchia dei Santi Pietro e Paolo a Mercogliano (Avellino). L'iniziativa e' stata annunciata da don Vitaliano Della Sala, sacerdote gia' noto in passato per la sua vicinanza al movimento No global.

In una lettera inviata a ''sorelle e fratelli della Valsusa'', don Vitaliano evidenzia che ''un territorio appartiene soprattutto a chi lo abita e nessuno, nemmeno i rappresentanti dello Stato possono arrogarsi il diritto di decidere, da soli, per quel territorio, senza consultare, discutere e ascoltare chi in quel territorio ci vive''. A suo giudizio ''uno Stato non perde affatto quando, ascoltando i propri cittadini, ha il coraggio di cambiare idea''. La bandiera No Tav in chiesa ricordera' che ''dobbiamo pregare e impegnarci insieme per pretendere che il presidente del Consiglio Monti, passato repentinamente e pericolosamente dalla sobrieta' alla durezza nelle decisioni, visto che non e' stato eletto democraticamente dai cittadini, non cominci a provare gusto a decidere da solo o consultandosi esclusivamente con chi e' d'accordo con lui: non oso pensarci, ma sarebbe l'anticamera di una moderna tirannia''. La richiesta e' di ''sospendere i lavori e le manifestazioni'' e di istituire ''un vero tavolo di confronto''.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information