L’attività dell’Arma finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe, continua in maniera incessante. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano (Av) hanno tratto in arresto un 29enne napoletano, in esecuzione di un’ordinanza emessa dalla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Proc. dott. Rosario Cantelmo, per il reato di truffa aggravata in concorso. I fatti risalgono allo scorso mese di febbraio: a cadere nella trappola, un’anziana di Montefalcione. Spacciandosi come Maresciallo dei Carabinieri ed utilizzando la stessa tecnica di seguito indicata, il malfattore metteva a segno la truffa, riuscendo a farsi consegnare una somma in denaro e monili in oro per un totale di circa 4mila euro: telefonata alla vittima prescelta, con richiesta di denaro quale cauzione per scarcerare il figlio ristretto in camera di sicurezza, responsabile di aver cagionato un incidente stradale con feriti; poco dopo la telefonata, ritiro di quanto concordato direttamente presso l’abitazione dell’anziana pensionata; immediata fuga non appena in possesso del bottino. E solo a questo punto la vittima si rendeva conto del raggiro in cui era incappata e non esitava a richiedere l’intervento dei Carabinieri. La professionalità messa in campo, unitamente alla ferma volontà di dare risposta a quella richiesta di aiuto, premiava gli sforzi dei militari della Stazione CC di Montefalcione. Le indagini, avviate nell’immediatezza, permettevano, attraverso una prolungata attività di ricerca ed incrocio di dati ed immagini acquisite dai sistemi di videosorveglianza nonché l’analisi del “modus operandi” e delle varie testimonianze raccolte, l’identificazione del malfattore nel 29enne di Napoli, già gravato da precedenti per analoga fattispecie di reato. Scattava dunque a suo carico la denuncia in stato di libertà, richiedendo all’Autorità Giudiziaria una misura cautelare necessaria per evitare il truffatore potesse reiterare il reato. Il G.I.P., valutati gli esiti della meticolosa attività investigativa coordinata dalla Procura irpina, e concordandone gli esiti, emetteva l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Serrate le ricerche da parte dei Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano che nel quartiere 167 di Napoli-Secondigliano, rintracciavano e traevano in arresto l’indagato, traducendolo presso la Casa Circondariale di Napoli-Poggioreale. Sono tuttora in corso accertamenti da parte dei Carabinieri finalizzati sia a risalire all’identità di eventuali complici sia ad appurate eventuali ulteriori responsabilità del soggetto in analoghi fatti reato.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information