Sette misure cautelari a carico dell'amministratore della società partecipata dal Comune di Avellino Acs (Azienda città servizi) e di amministratori di cooperative sono in corso di notifica da parte della polizia al termine di un'inchiesta nella quale si ipotizzano i reati di corruzione e peculato. Gli arresti domiciliari sono stati disposti per l'amministratore della Acs, mentre divieti di dimora nel comune di Avellino sono stati decisi per sei amministratori di cooperative. Secondo l'accusa i sette hanno distratto fondi pubblici per proprie utilità e per favorire parenti, amanti e amici. In particolare, con intercettazioni telefoniche e ambientali,la polizia ha scoperto che le cooperative avevano la finalità di creare "contenitori" per sistemare amici e parenti. Le indagini, coordinate dalla Procura di Avellino, sono cominciate nel marzo 2015 e le ordinanze sono state eseguite dalla squadra mobile della Questura di Avellino in collaborazione con la Guardia di Finanza.

 

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information