Il procuratore generale indiano G. E. Vahanvati ha presentato l'opinione del governo favorevole ad abbandonare il Sua act per la repressione della pirateria, ma ha chiesto che i capi di accusa vengano formulati dalla polizia Nia.

La difesa si e' opposta a quest'ultima ipotesi e il giudice ha fissato una nuova udienza tra due settimane. Vahanvati ha consegnato al giudice B.S. Chauhan l'affidavit con l'opinione del ministero della Giustizia sul caso dei marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre in cui si esclude il ricorso al Sua Act. Il documento sostiene però che i capi d'accusa saranno presentati dalla polizia Nia, l'unità antiterrorismo, che ha svolto le indagini. L'avvocato della difesa Mukul Rohatgi ha però obiettato che "è impossibile utilizzare la Nia in assenza del Sua Act". Il giudice ha allora chiesto alle parti di presentare le loro posizioni fissando per questo un termine di due settimane.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information