I due operai italiani scomparsi in Libia sono stati rapiti da un gruppo armato che li ha costretti a scendere dal loro furgone e a salire su un altro veicolo nei pressi del villaggio Martuba, tra le città di Derna e Tobruk. Lo afferma l'agenzia libica Lana citando il racconto dell'autista dei due operai. Gli uomini del gruppo armato che hanno rapito i due operai calabresi erano a volto coperto, riferisce la Lana. Secondo il racconto dell'autista, la vettura sulla quale sono stati fatti salire Francesco Scalise e Luciano Gallo si è diretta verso Derna. Il sequestro, aggiunge l'agenzia libica, non è stato rivendicato.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information