Un'auto è andata a fuoco oggi su piazza Tiananmen, a Pechino, oltre alle tre persone che si trovavano sul veicolo e che sono morte nell'incendio, ''molti turisti e poliziotti'' sono rimasti feriti. Lo afferma un comunicato del Public Security Bureau (Psb, la Questura) della capitale.

I feriti, precisa ''sono stati ricoverati'' nei vicini ospedali. L'auto, andata a fuoco per cause ancora non chiare, si trovava davanti all'ingresso principale della Città Proibita, la vecchia città imperiale meta ogni giorno di migliaia di turisti. Le cause dell'incendio, che si è sviluppato intorno alle 12.00 locali (le 05.00 in Italia) non sono state chiarite. Alcuni testimoni hanno riferito di aver sentito un'esplosione prima che si alzassero le fiamme, mentre altri hanno parlato solo dell'incendio. Secondo un telegrafico dispaccio dell'agenzia Nuova Cina "un veicolo motorizzato è entrato tra la folla" sulla piazza. Piazza Tiananmen, teatro delle manifestazioni pro-democrazia del 1989, è controllata da un massiccio schieramento di polizia anche per la vicinanza di Zhongnanhai, il centro residenziale dove vivono gran parte dei dirigenti del Partito Comunista. Nelle foto diffuse su Internet si vede solo l'auto in fiamme sotto al ritratto del presidente Mao Zedong, che domina la piazza.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information