Il livello di radiazioni nei pressi di tre serbatoi contenenti acqua contaminata nella centrale giapponese di Fukushima e' 18 volte piu' alto rispetto al 22 agosto, ovvero 1.800 millisievert all'ora. Lo ha reso noto l'operatore Tepco, a due anni e mezzo dall'incidente causato dallo tsunami del marzo 2011. Il nuovo livello di radioattivita' e' in grado di uccidere una persona esposta nel giro di quattro ore. Il 22 agosto il livello nella stessa area era di 100 millisievert/ora e la Tepco non esclude che l'aumento sia dovuto a infiltrazioni di acqua contaminata. La legge giapponese fissa la soglia massima di esposizione a 50 millisievert/ora per i lavoratori delle centrali.

Ad agosto era stato reso noto che un serbatoio aveva una perdita e l'agenzia per la sicurezza nucleare aveva poi elevato la gravita' dell'incidente dal livello 1 (anomalia) al livello 3 (incidente grave). L'incidente seguito al sisma e allo tsunami dell'11 marzo 2011 provoco' la fusione delle barre di carburante in tre reattori e la contaminazione radioattiva dell'aria, del terreno e dell'acqua, imponendo l'evacuazione di 160.000 persone. Intanto un milione di giapponesi hanno preso parte a una gigantesca esercitazione per simulare un terremoto di magnitudo 9,1 e verificare la prontezza dei servizi d'emergenza. Dal 1960 ogni anno nel Sol Levante si celebra la Giornata nazionale per la prevenzione dei disastri per commemorare il terremoto del 1923 che fece 100.000 morti. A due anni dal terribile sisma e tsunami del 2011, che produsse anche l'incidente alla centrale nucleare di Fukushima, il governo nipponico ha aggiornato le stime per il caso di un terremoto di magnitudo superiore ai 9 gradi, previsto entro 30 anni, che potrebbe causare fino a 320.000 morti. Anche il premier Shinzo Abe ha partecipato all'esercitazione simulando una riunione d'emergenza del suo gabinetto.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information