A sorpresa Barack Obama dopo aver lasciato intendere che l'attacco contro il regime siriano sarebbe stato questione, prima di ore, poi di giorni, ha deciso di prendere tempo, chiedendo "l'autorizzazione all'uso della forza" al Congresso. Congresso in 'ferie' che non tornera' in sessione solo il 9 settembre e Obama ha chiarito che aspettera' che Camera e Senato, "tornino a riunirsi", senza chiedere un rientro anticipato per il dibattito sulla Siria.

La decisione di Obama apparentemente sembra un cedimento a quanti al Campidoglio, dal presidente della Camera, John Boehenr, chiedeva un passaggio parlamentare. E Obama, forse sentendosi piu' solo dopo che la House of Commons britannica ha bocciato, non meno a sorpresa, la richiesta del premier David Cameron di intervenire militarmente al fianco all'amico di sempre, gli Usa, ha deciso di prendere tempo. La legge Usa, infatti,non lo obblighi in alcun modo a chiedere il via libera del Congresso. Il "Wars Power Act" del 1973, prevede che il presidente sia tenuto notificare a Camera e Senato entro 48 ore l'inizio di un'operazione militare e deve chiedere un voto solo se l'intervento dovesse prolungarsi oltre 60 giorni.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information