Sei contadini cambogiani sono morti e un altro e' rimasto gravemente ferito nell'esplosione di una mina anticarro posta dai Khmer rossi nella provincia di Preah Vihear, nel nord del Paese. Lo ha annunciato la polizia locale.

L'incidente e' avvenuto mercoledi' sera mentre le vittime stavano perlustrando le loro risaie, in un'area allagata. Secondo il capo della polizia provinciale Sy Kiri, l'ordigno risale alla guerra civile degli anni Ottanta, tra i Khmer rossi e le forze governative appoggiate dai liberatori vietnamiti. A causa di diversi conflitti attivi dagli anni Sessanta, la Cambogia e' tuttora uno dei Paesi piu' minati al mondo, nonostante una massiccia campagna di bonifica negli ultimi anni. Nel 2012, lo scoppio di vecchie mine ha ucciso 43 cambogiani, ferendone altri 142.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information