Israele intende costruire "migliaia" di nuove unita' abitative per i coloni degli insediamenti nei Territori Occupati: e' l'avvertimento lanciato dal ministro per l'Edilizia israeliano Uri Ariel del partito ultra-nazionalista Habayit Hayehudi, cioe' Casa Ebraica, a poche ore dall'inizio a Gerico della seconda tornata di colloqui diretti tra lo Stato ebraico e l'Autorita' Nazionale Palestinese, dopo gli incontri preliminari di fine luglio a Washington.

"Nei prossimi anni costruiremo migliaia di case in Giudea e Samaria", ha dichiarato alla radio pubblica Ariel, citando i nomi biblici delle aree corrispondenti grosso modo all'attuale Cisgiordania. "Nessuno", ha puntualizzato, "detta dove possiamo edificare". Fra domenica e ieri sono gia' state approvate circa duemila abitazioni per i coloni ebraici.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information