Una bambina indiana di 11 anni e' stata bruciata viva da due donne, madri di due sue amichette, che hanno voluto punirla per aver ''fatto la spia'' su un furto di frutta in un orto del villaggio di Balinali, nello Stato orientale di Orissa.

Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Pti. In base alle prime indagini, la bambina, di nome Rinki Behera, si e' introdotta, mercoledi' scorso insieme ad altre due coetanee, nella proprieta' di un contadino per rubare alcuni melograni. Per motivi ancora da chiarire, la piccola ha poi rivelato l'identita' delle sue complici al proprietario del frutteto che e' subito andato ad informare i genitori dell'accaduto. Invece di rimproverare le figlie per il gesto improprio compiuto, le mamme, di nome Moli e Sulochana, si sono procurate una tanica di benzina e sono andate a casa di Rinki. Sfruttando il fatto che la bambina era sola, l'hanno immobilizzata, cospargendola di benzina e appiccando il fuoco. Giunto sul posto, il nonno ha subito dato l'allarme. Trasportata in ospedale, Rinki e' pero' deceduta per le gravi ustioni riportate su tutto il corpo.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information