Circa 258mila somali, per meta' bambini, sono morti di fame fra l'ottobre 2010 e aprile 2012 a causa della grave crisi alimentare che ha colpito il Paese, secondo un rapporto dell'Onu pubblicato oggi. ''La carestia e la grave crisi alimentare in Somalia hanno ucciso 258mila persone, di cui 133mila bambini meno di cinque anni, fra l'ottobre 2010 e aprile 2012'', si legge in un rapporto della Fao, l'organizzazione dell'Onu per l'alimentazione e l'agricoltura, e la Famine Early Warning Systems Network (FEWS NET), finanziata dagli Usa.

In base a questa ''prima stima scientifica'' del bilancio della crisi alimentare, ''il 4,6 per cento della popolazione totale e il 10% dei bambini di meno di cinque anni sono morti nel sud e nel centro della Somalia''. Nelle regioni dei Bad-Shabelle, di Mogadiscio e di Bay, le piu' colpite, la crisi alimentare ha ucciso rispettivamente il 18, il 17 e il 13% dei bambini. La fame ha causato ''circa 30mila morti (...) al mese tra maggio e agosto 2011'', secondo il rapporto Fao.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information