Un morto, decine di feriti, dieci case bruciate e una moschea rasa al suolo. Un piccolo incidente, una donna che urta un monaco e gli fa cadere la ciotola per le elemosina, e' bastato a scatenare la violenza tra buddisti e musulmani nella cittadina di Oakkan, a circa 100 km a nord di Yangon, nel centro della Birmania.

Gli abitanti di Oakkan, terrorizzati, hanno raccontato che 200-300 persone sono arrivate in moto e hanno distrutto la moschea, mentre la polizia era completamente assente.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information