In Cina 8 persone sono detenute in carcere, dove potrebbero restare per un periodo fino a 10 giorni, per la diffusione online di voci incontrollate sul nuovo virus aviario H7N9.

I cittadini arrestati nelle province di Zhejiang, Shaanxi, Gansu e Liaoning sarebbero colpevoli, secondo le accuse, di avere postato su Internet informazioni che possono diffondere panico immotivato sull'infezione. Per lo stesso motivo, riferisce la polizia, altre 3 persone sono state trattenute nella provincia sudorientale del Guizhou. Finora, secondo quanto riferito dalle autorita' sanitarie cinesi, il virus H7N9 ha colpito 33 persone con 9 morti.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information