L'amministrazione americana chiede alla Cina di assumere iniziative per fermare i cyberattacchi contro gli Stati Uniti e di fissare delle regole. Si tratta - riporta il New York Times - della prima risposta diretta della Casa Bianca agli attacchi contro le reti aziendali e governative americane che sembrano originati dalla Cina.

''Le aziende americane esprimono i loro timori sui sofisticati e mirati furti di informazioni riservate attraverso ciber-intrusioni dalla Cina'' afferma il consigliere alla sicurezza della Casa Bianca, Tom Donilon, sottolineando che gli Stati Uniti vogliono tre cose dalla Cina: il riconoscimento pubblico dell'esistenza di un problema, un impegno a sgominare gli hacker che operano in Cina e un accordo per stabilire norme accettabili di comportamento nel cyberspazi''.

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information