Nelle prime ore di questa mattina, la Polizia di Stato di Caserta ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio del Gip presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Raffaele Santoro, alias ‘a befana’, di 34 anni, ritenuto responsabile del reato di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, nei confronti di imprenditori attivi nell’agro aversano.
L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile di Caserta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, ha permesso di accertare che, nel periodo immediatamente antecedente le scorse festività natalizie, Santoro si presentava presso esercizi commerciali presenti sul territorio di Lusciano, chiedendo insistentemente ai dipendenti di parlare con i titolari e dicendo: "noi siamo tutti amici, siamo persone perbene, poi…sta per arrivare il Natale…", comportamento diretto, in maniera evidente, a formulare una richiesta estorsiva, come testimoniato dal riferimento agli "amici" e all’arrivo del Natale, momento di riscossione abituale dei proventi nelle estorsioni. Santoro risulta essere personaggio inserito storicamente nel gruppo capeggiato da Giuseppe Setola, appartenente alla fazione Bidognetti del clan dei Casalesi, e, sulla sua posizione nell’ambito della criminalità organizzata, sono state acquisite numerose dichiarazioni da parte dei collaboratori di giustizia.
Al termine degli atti di rito, l’arrestato è stato condotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information