Piedimonte Matese- Si ritorna alla sede storia della “Ventriglia”, da alcuni anni sede dell’omonimo istituto comprensivo, a ritmo di  festa nel quartiere  Vallata come quando si festeggia una rinascita con l’inaugurazione dello stabile ristrutturato dopo quasi 5 anni di chiusura . E di “rifondazione” si può parlare  dopo i lavori di  messa in sicurezza  sismica  finanziati dal dipartimento di protezione civile nel 2012. Passeggiando per via Coppola  rimane in silenzio- tranne  le rondini in volo- l’ex abbazia dei celestini che ha ospitato  le classi  per il tempo necessario agli interventi di adeguamento. Una storia didattica e sociale che rifiorisce: entrando, nel corridoio, sono state allestiti banchi con coppe e targhe(anche striscioni con “BENVENUTI”) a significare quello che si è fatto per poi dopo la rampa di scale, trovare un manufatto a  forma di libro con scritto “ Dare di più a chi ha di meno”. Ad interpretare il senso di comunità( è quiche si celebra la festa   del  “Catuozzo” per le radici nella cultura boschiva ) è stato il reggente, Diamante Marotta, ad avvio della cerimonia di inaugurazione  “questa   è terra  sana, di gente perbene e di lavoratori  sollecitando le famiglie a stare vicino alla comunità scolastica (“ora l’edificio è più sicuro”) sottolineando la presenza di bravi docenti. Ma a registrare il clima di fermento del quartiere è stato il vescovo della diocesi di Alife e Caiazzo, Valentino Di Cerbo ( da poco si è concluso la festa della madonna della libera in un clima di animazione e partecipazione pastorale) . “ Nel corso del ministero episcopale    ho avuto modo di riaprire la Chiesa parrocchiale e questo edifico scolastico ,  che sono  luoghi di umanità e di crescita” ha detto Di Cerbo, leggendo un passo del vangelo di Luca sull’essere luce  e sale, per  illuminare e dare sapore alla  vita sociale, provvedendo al rito di benedizione della  scuola ristrutturata.  Doppiamente emozionata  l’assessore  regionale al lavoro, Sonia Palmeri, cresciuta nel quartiere ed  ex allieva della scuola e per il ruolo della regione :”  si  riscrive una pagina positiva per   questa scuola e per il quartiere. Citando i provvedimenti di accelerazione della spesa ha spiegato  il metodo della regione : “dal giorno del giorno insediamento abbiamo deciso di chiudere i progetti incompiuti ” ha dichiarato  ribadendo- come in altre occasioni- la vicinanza al territorio ed alle amministrazioni. Un bocca al lupo alla comunità scolastica è stato dato dal sindaco Luigi di Lorenzo  unendosi e condividendo la felicità del quartiere : dopo anni di sofferenza mi corre l’obbligo di ringraziare che ci ha preceduto ( giunte Cappello ndr) per il risultato raggiunto ribadendo la  vicinanza  della regione e la costante presenza della Palmeri ( assente il consigliere Alfonso Piscitelli  annunciato nel manifesto ndr).  “Sposo in pieno le parole dell’assessore Palmeri – da detto  la consigliere delegato all’istruzione, Pasqualina Masella e sul metodo seguito di  “ una   novità   con fondi diretti ai dirigenti” per alcuni  i lavori di  messa in sicurezza  per le scuole . Noi busseremo ancora” ha proseguito la delegata  comunale, rivendicando l’attività svolta  nel corso del periodo estive per realizzare il passaggio logistico dall’ex sede dell’abbazia allo stabile  confinante con l’ufficio postale . “Adesso c’è da mettere mano al nuovo assetto dei plessi, cosa che andava fatto  prima” ha aggiuntala Masella  sollevando la questione della  chiusura dell’Agrario. In merito  vi è stato l’annuncio   sia del sindaco che dell’assessore Palmeri circa il finanziamento  del recupero della sede storica dell’agrario “Scorciarini Coppola”. Il reggente scolastico Marotta ha chiesto vicinanza ma anche  comprensione alle famiglie per la risoluzione di alcuni problemi gestionali come la mancanza di alcuni docenti di sostegno. Alla fine il clima di  festa si è sciolto  non solo con il lancio di alcuni palloncini ma  anche nelle note dell’orchestra della “Ventriglia” con alcuni giovani  richiamati e altri ancora  frequentanti la scuola  che si è fatta spazio anche per l’ndirizzo musicale attivato negli anni scorso con i tre inni , quello nazionale, europeo e quello della scuola. L’orgoglio riprende fiato.

Michele Martuscelli





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information