Piedimonte Matese-Un partito che è stato alla finestra durante la competizione elettorale. Un partito- finestra. Come giudica la vittoria della lista “Uniti”/ Di Lorenzo, pur di centro sinistra? Il partito-tenaglia che non ha presentato una propria lista per le profonde divisioni interne ,con le primarie avviate che condussero l’ex assessore Attilio Costarella-unico partecipante- sul binario morto delle dimissioni, ancora non ha aperto le porte per un esame della situazione venutasi a creare. Questo dopo la netta vittoria della lista guidata dall’ex consigliere di minoranza- ora sindaco- Luigi di Lorenzo dopo una settimana dalla proclamazione del medico primario, figlio di Ugo Di Lorenzo che- nel 1992- resse per poco tempo- le sorti della città per poi rompere con l’ex patriarca Dante . Oggi ancora su sponde opposte sponde .In maggioranza siede un tesserato del pd , il giovane Ivan Filetti, a titolo personale per il “divieto” politico di uso del simbolo ma pure sempre esponente di primo piano dei democrats e ben piazzato anche nella geografia interna della neo maggioranza. Ma siccome il pd vuole sempre complicarsi le cose in minoranza abbiamo l’arrivo fresco fresco sull’onda di un ottimo successo di Fabio Civitillo(lista Noi Piedimonte” ispirata da Oliviero), di quell’antagonista visto come fumo negli occhi della componente cappelliana .Il pd così oscilla così tra un po’ di maggioranza e un po’ di minoranza . Uno scenario di divisione -come da prima le elezioni. È in questo quadro che il circolo locale commissariato dovrà agire e prima ancora riflettere. All’ordine del giorno , commissario senatore l’elezione dei nuovi vertici. Non balneari.

Michele Martuscelli





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information