Il candidato sindaco Luigi Bove della coalizione “Il Patto per Maddaloni” presenta il “Piano per le Periferie”. La coalizione che appoggia Bove è formata dai Nazionalisti per Maddaloni, Cambiamo Insieme, Prima Maddaloni, Maddaloni Pulita e Maddaloni Bene Comune , sta diffondendo il documento programmatico sulle periferie incontrando i residenti delle suddette zone. Il “piano per le periferie” si basa sull’ attività consiliare che il candidato sindaco Bove ha affrontato negli anni in cui è stato un alfiere dell’ opposizione , soprattutto all’ ultima amministrazione comunale. Il “piano per le periferie” affronta varie problematiche esistenti e una relativa proposta. Ecco alcuni passaggi. Luigi Bove e la sua coalizione propongono soluzioni ai problemi quali il deposito abusivo ed abbandono dei rifiuti di ogni genere nelle strade di periferie. A tal proposito, propongono la progettazione di un piano di video sorveglianza tramite cabina di regia e secondo la Legge Regionale Quadro n 12 del 2003 sulla sicurezza urbana; poi, task force della Polizia Muncipale e chiusura della stessa alle ore 00.00. Intervenire soprattutto in alcune zone come Colle Puoti, via Gravone.Poi ancora: bonifica ambientale di discariche di amianto: intervento del Comune e mappatura con Enti proprietari degli spazi in cui sono depositate abusivamente lastre di amianto. Un altro punto con relativa proposta è la presenza di aziende insalubri classificate di prima classe con decreto dell’ Asl ( ad esempio in via Sauda e via dell’ Oliveto) , avviando il processo di delocalizzazione con il redigendo Piano Urbanistico Comunale e quindi spostare tali manufatti, che sono vicino alle abitazioni, verso le prossime zone franche urbane che il Patto per Maddaloni ritiene di dover realizzare. Inoltre, creare un piano reale ed efficiente della rete di pubblica illuminazione e creare una squadra di pronto intervento presso l’ Ufficio Tecnico Comunale in collaborazione con la futura ditta appaltatrice che entro 48 ore massimo dalla segnalazione dovranno intervenire. Tale intervento dovrà riguardare soprattutto le zone periferiche di Pioppolungo, via Lamia, via Lima, via Sauda lato Maddaloni. Inoltre il Piano intende affrontare l’ annosa questione dell’ assenza di rete fognaria in importanti tratti stradali come via Cancello e quella degli allagamenti in via Ponte Grotta. In tal senso si propone di creare un team di tecnici scelti sulla base di un avviso pubblico e poter accedere ai finanziamenti del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014- 2020 denominato “Patto per il Sud” e indire poi una conferenza di servizi con i Comuni interessati, gli Enti preposti e il ruolo di “arbitro” delle Prefetture di Caserta e Napoli. Inoltre convocare una conferenza dei servizi con i Comuni di Santa Maria a Vico e Cervino per la questione di Ponte Grotta. Inoltre si tenterà di dare attuazione alla delibera di Giunta Comunale ( Maddaloni) n 130 del 26/04/2012 avente ad oggetto l’ istituzione di una farmacia in via Cancello. Infine il Patto per Maddaloni intende , nel redigendo Piano Urbanistico Comunale, creare degli spazi di aggregazione e delle piazze e luoghi di ritrovo in via Cancello e in via Feudo, magari partendo dal connubio, da cimentare, con le scuole in zona.





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information