Il presidente regionale del Coni Sergio Roncelli, alla sua prima uscita dopo la recente elezione al vertice dello sport campano, ha annunciato ufficialmente che il boxeur Clemente Russo di Marcianise, argento alle Olimpiadi di Pechino e Londra, sarà tra i tedofori nella cerimonia di apertura delle Universiadi 2019 a Napoli. “E’ una scelta significativa per lo sport casertano e, soprattutto, per il pugilato, che ha trovato in Terra di Lavoro e, in particolare, a Marcianise, la sua esaltazione -ha sottolineato Roncelli in occasione dell’incontro promosso da Coni e Panathlon sul tema “I valori dello sport-I valori della vita” presso il Centro Sportivo Great Gym-. I grandi atleti rappresentano per il nostro movimento punti di riferimento e modelli da imitare e il loro coinvolgimento nelle nostre iniziative è un valore aggiunto”. E dai grandi atleti, il rappresentante del Coni ha tracciato una interessante panoramica su tutti gli altri “valori” dello sport in termini di immagine, ritorno economico, positivo coinvolgimento giovanile e fattore di aggregazione sociale. In apertura, dopo l’introduzione del moderatore Rosario Mazzitelli, vicepresidente regionale dell’Unione Stampa Sportiva Italiana, ed il saluto di Pasquale Orofino patron del Centro Great Gym, il Delegato provinciale Coni Caserta Michele De Simone aveva spiegato il senso dell’incontro e cioè l’assonanza su temi essenziali di interesse sportivo tra le associazioni benemerite facenti capo al Coni, e cioè il Panathlon Club Caserta-Terra di Lavoro, presieduto da Paolo Santulli, l’Unione Stampa Sportiva Italiana di cui è fiduciario Lucio Bernardo, l’Unione Veterani dello Sport, di cui è presidente Antonio Giannoni, l’Associazione delle Stelle al Merito Sportivo, guidata da Geppino Bonacci. Ha fatto seguito l’intervento del Sindaco di Marcianise Antonello Velardi, intervenuto con l’assessore allo sport Angelo Musone, che ha voluto sottolineare la centralità di Marcianise nel mondo dello sport e non solo per i trionfi nel pugilato a livello mondiale, ma per i successi in tante discipline come il judo, il karate, la pallavolo, il calcio a 5, la danza sportiva, etc. “Puntiamo a migliorare le strutture sportive per offrire ai giovani ed agli atleti spazi per la crescita agonistica –ha proseguito il primo cittadino-. Il Centro Great Gym, inaugurato un anno fa dal presidente del Coni Giovanni Malagò è uno dei complessi di eccellenza dove si possono costruire campioni e nello stesso tempo offrire opportunità di sano impegno del tempo libero”. Dopo il saluto del presidente del Panathlon Caserta-Terra di Lavoro Paolo Santulli, che ha evidenziato come il sodalizio si ponga come capofila degli altri analoghi club per incontri tematici a livello culturale e sociale. Nel ricordare il significativo incontro qualche mese fa con il cestista brasiliano Oscar Schmidt, già stella della Juve Caserta, ha presentato i due grandi campioni ospiti della manifestazione, e cioè il pugile Clemente Russo, doppio argento olimpico e campione mondiale, e il pallanuotista Alex Giorgetti, punta di diamante della Canottieri Napoli min serie A, già pluriscudettato con la mitica squadra della Pro Recco, campione europeo, mondiale e olimpico con il “settebello”, pronto anche ad accogliere la convocazione della nazionale ungherese per il prossimo torneo iridato, possedendo la doppia nazionalità per essere figlio di padre italiano e mamma magiara. Sia Clemente Russo che Alex Giorgetti, intervistati dal giornalista Rosario Mazzitell, hanno svelato ai numerosi presenti i segreti del proprio successo, i sacrifici affrontati, le soddisfazioni e le delusioni, tanti aneddoti della loro vita nel mondo dello sport. Tra i “vip” sportivi presenti il presidente regionale dell’Ussi Mario Zaccaria, il Governatore del Panathlon Poli Sanguineti, il presidente regionale dell’Ansmes Francesco Maturi con il consigliere nazionale Giuseppe Maio, l’ex arbitro internazionale di calcio Liberato Esposito, l’ex presidente della Casertana Antonio Farina, Gian Paolo Iaselli per il Rotary, Franco Tontoli per l’Assostampa, il neoeletto direttivo dell’Ussi Campania al completo con i giornalisti Andrea Ferraro e Luigi Zappella, numerosi dirigenti di Federazioni ed Enti di promozione sportiva. Un significativo applauso è stato rivolto al "veterano" Michele Centore, tra i casertani indicati nel 1960 tra i tedofori portatori della fiaccola, lungo l'itinerario in Terra di Lavoro, in arrivo dalla Grecia e diretta a Roma per la cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici.

 

 





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information