Piedimonte Matese- “Proporrei di appendere  non solo il volto del presidente della repubblica nelle scuole ma anche i volti dei pastori , di chi fa il formaggio”. Franco Arminio,  scrittore/cantore e promotore  delle aree interne , quelle  lontane dai centri urbani omologati, ha fatto tappa a Piedimonte Matese  “per sostenere le associazioni che lavorano per il centro antico” come  ha poi scritto  su fb  postando una foto di quei luoghi visitati(tra cui la cappella di S.Biagio e del ciclo di affreschi)  che lo hanno “risvegliato dalla stanchezza del viaggio”( tornava dal Piemonte).L’occasione  è stata la  giornata di riflessione sul patrimonio  paesaggistico , architettonico culturale(“Una storia spezzata”)  e sulla presentazione del manifesto civico sui luoghi d’arte svoltosi  nell’auditorium del museo civico accolti dalla direttrice scientifica   del “Mucirama”, Laura Del Verme. Un’incalzante ed appassionata  intervista allo scrittore- paesologo,  condotta dal giornalista e promotore di Byblos, Gianfrancesco  D’Andrea, che ha  portato  con  naturalezza a rendere Arminio  una sorta di “padre” del  manifesto i cui  obiettivi e motivazioni   sono stati  discussi   nel corso di una tavola rotonda  a cui hanno partecipato alcuni rappresentanti delle associazioni  operanti  nel comune e nel territorio matesino. Arminio, incantato dal centro antico e dai  suoi monumenti, scorci, ha ribadito la  validità esistenziale  di quello che ha  definito  il “mondo arcaico”, dei luoghi lontani dal caos urbano non mancando di criticare la disattenzione  anzi la cecità del mondo politico- istituzionale  (“il centro”) verso questi territori richiamando  l’esperienza- finora inconcludente-  del progetto sulle aree interne (“ stiamo ancora scrivendo la sceneggiatura senza  il film”).  L’intervista ed il confronto  tra le associazioni sono stati preceduti dalla proiezione di un bellissimo  video curato dall'associazione Rena Rossa/Love Matese  e dal Cai ed uno sulla storia di fascino e degrado del palazzo ducale.

Michele Martuscelli





Leggi anche:


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information